sort invalidi lugano
bienvenuti icon

NUOVE ATTIVITÀ PER I GIOVANI

bienvenuti news icon

La SIL su FACEBOOK,diventa nostro amico

space line

CALENDARIO MANIFESTAZIONI (giugno 2013)

Scarica il PDF

space line

Scopri in quanti siamo :

monitori icon

Info monitori (giugno 2013)

atleti icon

Info atleti (giugno 2013)

contatti icon
contatti

Storia

La Sport Invalidi Lugano (S.I.L.) nasce ufficialmente il 9 ottobre nel 1969 ma, come ogni cosa, ebbe un sua gestazione. Infatti già nel 1967 un gruppo di ragazze della sezione E.O.C., gruppo scout Ticinesi di handicappati fisici, sentiva il desiderio di trovare "qualcosa di nuovo". Questo desiderio venne subito carpito da don Alberto Quadri e sua sorella Elisa i quali si dettero da fare per soddisfare questa necessità. Da li a poco tempo e dopo diverse discussioni e scambi di opinioni nacque l'idea :

GINNASTICA

Venne quindi contattato un insegnante di educazione fisica (Bebbe Zanetti) il quale dimostrò un'immediata nonché squisita disponibilità. Incominciarono così i primi appuntamenti nel Mendrisiotto e, nel 1968, venne fondato con l'aiuto dei Luganesi il primo gruppo Sportivo Invalidi del Mendrisiotto, il primo in Ticino. Visto l'esito positivo dell'esperienza nacque nei Luganesi l'esigenza di un gruppo analogo. Così cominciò tutto il cammino per la costituzione di tale gruppo fino ad arrivare alla fatidica data. Come primo presidente dell'associazione fu nominato Elio Guglielmetti, nomina meritata in quanto è stata la persona che ha tradotto in realtà i sogni dei Luganesi, il primo commissario tecnico fu Bebbe Zanetti, anche questa nomina è stata ampiamente meritata. I primi membri dell'associazione furono : Don Alberto, Elisa Quadri, Teresa Guglielmetti, Marisa Carrara, Mariagrazia Boffa, Mario Lepori, Graziella Pagnamenta, Letizia Meli, Mariagrazia Radice, Beatrice Soldati, Mariateresa Milesi e Walter Macchi.

Attività Svolte

Le nostre attività principali si dividono tra ginnastica in palestra, atletica competitiva, basket, nuoto, sci alpino e sci nordico.

Sport e gioco, il connubio numericamente più importante. Questa palestra è composta da un gruppo molto eterogeneo di persone e con un'ampia casistica di handicap. L'attività si svolge generalmente con una prima fase di riscaldamento della muscolatura con diversi esercizi e corsa leggera. Si prosegue poi con l'esecuzione di giochi ben mirati, tra cui vengono particolarmente graditi quelli con la palla

Ginnasti in sedia a rotelle

Con il quale vengono attivate tutte le parti del corpo. Viene eseguito con la carrozzina in movimento come pure da fermo. Nella quale si eseguono esercizi mirati al rinforzo del tono muscolare e alla coordinazione oculo-motoria. Per il rafforzamento della muscolatura gli invalidi vengono anche tolti dalla carrozzina per lavorare alle spalliere, vengono pure effettuati degli es tale attività viene eseguita alla fine della lezione nella quale vengono eseguite partite a pallacanestro, lancio dei cerchietti ecc.

Sport e atletica competitiva.

In tale palestra convergono tutte le persone che vogliono avere un rendimento maggiore nello sport. Gli allenamenti eseguiti sono quindi di preparazione alle esigenze di tornei ed olimpiadi in patria ed all'estero (Special Olimpics) I nostri atleti h Minneapolis (USA), olimpiadi invernali di Schladming, e a Toronto in Canada oltre naturalmente alle gare nazionali. In tutte le attività hanno riscosso un notevole successo guadagnando medaglie d'oro, d'argento e di bronzo e numerosi ottimi piazzamenti.

In questa palestra si allena la nostra squadra di basket.

Il basket è uno sport molto esigente per i suoi giocatori : richiede concentrazione, reazione veloce, coordinazione e perseveranza senza dimenticarci Questo sport è anche molto educativo per i nostri sportivi. Il giocatore non gioca per conto propri, bensì deve adeguarsi al gioco di squadra. Solo collettivamente può aspirare ad una vittoria. L'integrazione degli sportivi nella nostra società è senz'altro anche uno dei nostri più ambiti traguardi. Presto sarà disponibile una pagina WEB specifica di tale attività.

Nuoto

Anche l'attività di nuoto è molto seguita e si svolge settimanalmente con appuntamenti in tre diverse piscine del luganese. Non dobbiamo dimenticarci anche della squadra di pallavolo da seduti che, pur essendo negli anni 80 l'unica squadra.

Nuoto per le persone con disabilità

Il nuoto viene considerata un'attività completa che permette di rilassarsi e dare sollievo a malesseri fisici come mal di schiena e dolori articolari. Assume anche un importante ruolo per quanto riguardo l'ambito riabilitativo, in quanto offre la possibilità di riaggiustare delle posizioni posturali scorrette, di riprendere la piena funzionalità di arti inferiori e superiori e altresí di migliorare fiato, coordinazione e agilità.

Per quelli che hanno bisogno di rassodare il proprio corpo, non c'è niente di meglio di una lezione di nuoto e di un corso tenuto da insegnanti qualificati, per ritornare presto in forma smagliante. Immergersi in una piscina e lasciarsi trasportare dall'acqua oltre a comportare dei notevoli vantaggi dal punto di vista fisico, permette di trarre beneficio anche a livello mentale.

Nuotare aiuta ad allontare tensioni, stress e ansie, mentre il movimento dell'acqua ci distoglie da pensieri spiacevoli, facendoci vivere, anche solo per poco, un'esperienza di completo relax. Inoltre, aumenta la circolazione sanguignea, potenzia la flessibilità del corpo, riduce il rischio di malattie come il diabete e allontana quei sintomi derivati dall'asma. Dal punto di vista del numero di calorie consumate, si sa per certo che il nuoto, essendo una disciplina che coinvolge il movimento continuo e regolare di più parti del corpo, mettento sotto sforzo sia cuore che polmoni, incentiva la perdita di peso, lasciandoci una generale sensazione di benessere destinata a durare per l'intera giornata.

Coloro che si preoccupano delle persone affette da disabilità sono davvero motivate nello svolgere il loro lavoro al meglio, e perciò non hanno tempo per pensare ad altro, come la scena di http://www.and6.ch. Zürich è una città che offre molti centri in cui poter iniziare delle attività di nuoto e seguire lezioni ben focalizzate sulla specificità del problema, soprattutto se si sta parlando di disabilità accertate.

All'interno di queste strutture, coloro che hanno una disabilità legata al movimento, possono fare esercizi che contribuiscono a sostenere le funzioni motorie agendo con una formula terapeutica mirata. Invece, chi ha perso la vista a seguito di un incidente o che ne è sprovvisto fin dalla nascita, grazie al nuoto può rafforzare il proprio senso di orientamento, e stimolare la capacità di reagire ad un ambiente limitato e circoscritto, quale è quello offerto dalla vasca della piscina.

Anche chi è affetto da sordità può sfruttare il nuoto a proprio vantaggio dato che le indicazioni impartite dagli istruttori si svolgono per lo più attraverso la gestualità, una situazione comunicativa dove la capacità uditiva perde di importanza e, al contrario, si punta sull'esecuzione attiva dell'esercizio. E infine, anche casi di distrofia muscolare possono essere affrontati grazie al potere benefico del nuoto, che favorisce l'ampiezza del movimento e la flessibilità del gesto, sia per quanto riguarda le lezioni singole che quelle di gruppo, un'occasione perfetta per interagire con altre persone affette dallo stesso problema.

Socializzare attraverso lo sport è un modo per condividere esperienze e sofferenze comuni, per far capire alla persona disabile che non è sola e che il dolore può essere sconfitto. L'acqua ha un effetto lenitivo che va a toccare sia corpo che mente, facendoci ricordare la bellezza e l'importanza dell'attività sportiva all'interno della nostra quotidianità.

persone immagini